DM Blog

www.danielemasciullo.com

Giorno: 12 Luglio 2018

#Dossier

Un moderno panopticon: Internet e la società dell’ignoranza

«Il soggetto della libertà e quello della sottomissione si sono invertiti;
le cose sono libere, ed è l’uomo a non esserlo più».
Günther Anders [1]

«La portata, gli obiettivi e le conseguenze dell’azione determinati
dalla tecnologia moderna sono cosi nuovi che l’etica precedente
non è più in grado di abbracciarli. Oggi, il coro dell’Antigone sulle
portentose capacità dell’uomo dovrebbe essere letto in modo differente;
e la sua ammonizione all’individuo perché rispetti le leggi della terra
non sarebbe più sufficiente».
Hans Jonas [2]
La pervasività della razionalità scientifica e tecnologica tipica di un mondo iperconnesso come il nostro pone rilevanti conseguenze in termini di effetti maladattativi e fa emergere con urgenza la questione del rapporto tra individui e conoscenza. In particolare, occorre domandarsi se sia la conoscenza a dovere/potere assumere, attraverso il concetto di “counteractive cultural niche”, un ruolo di freno nei confronti del dilagare esclusivo e privo di regole della tecnologia, o se, invece, si debba mirare alla costituzione di una “società dell’ignoranza” in cui il residuo ineliminabile di non conoscenza venga rivalutato positivamente come vera e propria risorsa da coltivare con consapevolezza.

La pervasività della razionalità scientifica: effetti maladattativi