www.danielemasciullo.com

Abbi il coraggio di conoscere

Libri

#Libri

Roberto Casati. Contro il colonialismo digitale

Ho trovato il pdf di Contro il colonialismo digitale di Roberto Casati nella mia casella di posta durante un seminario in università sulla percezione uditiva. Non appena finito il seminario, ho iniziato a leggerlo, ma nel giro di dieci minuti ho avuto modo di abbandonare ancora l’app di visualizzazione dei pdf per controllare la casella di posta un paio di volte, prendere alcuni appunti per questa recensione, rispondere a un amico su skype, cercare sul sito dell’editore Palgrave un volume che ripropone i contributi, tra cui quello di Casati, a un convegno on-line sull’«e-text» che avevo seguito ai tempi ma di cui ignoravo la riedizione e poi nel mio archivio di pdf alla ricerca di un altro testo di Casati, attinente non al libro che stavo leggendo ma ai temi discussi poco prima al seminario. Alla fine, ho disattivato il wi-fi del mio iPad e ho iniziato a leggere per davvero.

#Libri

Michelangelo Pistoletto – “La voce di Pistoletto”

Michelangelo Pistoletto è stato testimone privilegiato di oltre cinque decenni di arte contemporanea. Ha avuto parte in vicende importanti, di rilievo sovranazionale; e in trasformazioni decisive. La sua biografia professionale incrocia la storia di tutti ancora oggi, quando lo vediamo muoversi tra Biella, Roma e Bruxelles come ambasciatore di una personale proposta di rinnovamento sociale, amico e confidente di uomini politici di primo piano, come Giorgio Napolitano. Il ruolo che Pistoletto si ritaglia è ben più vasto e ambizioso di quello del semplice artista. Giura di non considerarsi “sciamano” ma si muove da predicatore e profeta, su piani molteplici che non è facile tenere assieme.

#Libri

Le privatizzazioni che hanno ucciso la società

Che il processo di privatizzazione in Italia abbia comportato una gigantesca ritirata dello Stato da un ruolo diretto nella produzione industriale e, più in generale, del “pubblico” nell’erogazione dei servizi, lo dimostrano alcuni semplici dati: complessivamente le operazioni hanno comportato proventi lordi per 134 miliardi, nonché risorse reperite totali, comprensive dell’indebitamento finanziario trasferito (14 miliardi) per 148 miliardi.

#Libri

“Neruda fu ucciso dai sicari di Pinochet”

Potrebbe intitolarsi “la clinica degli orrori”. Medici killer, iniezioni letali, uomini vestiti di nero che si aggirano per corridoi asettici, a caccia della vittima. È il thriller che da 40 anni scorre nella testa di Manuel Araya: l’ex garzone stile il Postino che indaga sull’omicidio del poeta-idolo. Il bodyguard che ha fatto riesumare il corpo di Pablo Neruda, l’8 aprile scorso, a 40 anni dalla morte. “È passato tanto tempo ma ricordo tutto perfettamente”. La voce è tranquilla, lo sguardo inquieto, guizzante. “Altro che cancro alla prostata: Neruda fu avvelenato, e lo dimostreremo”.

#Libri

Francesco, il “noi” e la democrazia

Un gesuita che dà ‘torto’ ad Aristotele e fa a pezzi la casta? Alla sua prima ‘prova scritta’ in politica Papa Francesco offre una lezione di democrazia. “Noi come cittadini. Noi come popolo” è stato appena pubblicato da Libreria Editrice Vaticana – Jaca Book, autore Jorge Mario Bergoglio (pp. 96, euro 9), arricchito nella versione italiana da un’introduzione del segretario di Iustitia e Pax, Mario Toso.

#Libri

“Storie salentine dal vissuto di un novantenne”

Storie e ricordi raccontati da Nunnu Cici. Nasce così “Storie salentine dal vissuto di un novantenne”, il libro di Mimmo Martina, edito da EdiPan, che, attraverso la voce di un anziano e saggio interlocutore, estrapola alcune verità degli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso. “Anni burrascosi per la nostra patria – come ricorda l’autore del libro – costretta a patire due grandi conflitti mondiali, ma altrettanto gloriosi per il barlume di grandezza che ci fecero assaporare. La Roma imperiale sembrava stesse per rinascere e, sotto il piede di un novello Scipione, l’Africa era lì per lì per divenire ‘terra nostra’”.

#Libri

“Il cielo e la terra”, ecco il pensiero di Francesco I

A poco tempo dalla sua elezione al soglio pontificio, Jorge Mario Bergoglio, alias papa Francesco I, sembra aver già conquistato la benevolenza di una larghissima parte dell’opinione pubblica, anche tra i non credenti. A partire dal suo ormai famoso “buonasera” pronunciato al momento della proclamazione, sembra aver inaugurato un pontificato caratterizzato dalla moderatezza e da un deciso stacco rispetto alla consueta immagine che si ha delle alte gerarchie ecclesiastiche.

#Libri

Su Luce D’Eramo, Silone, e diosacos’altro

A sedici anni, durante una brutta influenza, ho scoperto Ignazio Silone. Un prete mi aveva messo in mano incautamente L’avventura d’un povero cristiano e io smisi di essere cattolico. Di colpo. Appena finito il libro. Anche se naturalmente ero già lì lì, e quel libro semplicemente mi raccontava a me stesso, con più chiarezza e legittimandomi.

#Libri

Perché il Fiscal Compact sprofonderà l’Europa nel baratro

«Più va a rotoli, più ci sono possibilità che funzioni» [1] La crisi attuale, iniziata nel 2007, ha messo in evidenza i pericoli della costruzione europea attuale dominata dal neoliberismo. Nei primi mesi del 2012, le classi dirigenti così come la tecnocrazia europea sono state incapaci di superare la crisi. Ancora peggio, oggi utilizzano la crisi per raggiungere il loro principale e costante obiettivo: ridurre la spesa pubblica, indebolire il modello sociale europeo, il diritto al lavoro, e impedire ai cittadini di avere una qualsiasi voce in capitolo.

#Libri

La politica nel tritacarne dei postismi

«Ci è stato spesso detto che la politica è potere, e naturalmente questo è vero. Più recentemente ci è stato detto che la politica nell’epoca dei mass media è immagine: ho paura che ci sia qualcosa di vero anche in questo. Ma in una democrazia la politica è qualcosa di più che la lotta per il potere e la manipolazione dell’immagine» Arthur Schlesinger Jr. [1].