James Bond non solo non muore mai, ma torna addirittura indietro nel tempo. Il celebre personaggio creato da Ian Flemingnel 1953, rivivrà il prossimo anno con un nuovo titolo, che avrà per sfondo i mitici anni Sessanta, tra Woodstock, il Vietnam e lo sbarco sulla luna. Il 2013 è l’anno del sessantesimo compleanno di 007 e la Ian Fleming Foundation ha deciso di affidare allo scrittore britannico William Boyd, noto per romanzi come Aspettando l’alba (Neri Pozza) o Inquietudine (BEAT), la stesura del nuovo capitolo dell’agente segreto più famoso del mondo. Non si conosce ancora il titolo ufficiale del libro, ma sappiamo che uscirà nel prossimo autunno edito dalla Jonathan Cape, la casa editrice che diede i natali al primissimo Casino Royale. Sarà protagonista un tranquillo James Bond quarantacinquenne alle prese con una missione “ordinaria”, senza supercattivi intenzionati a distruggere il mondo con virus letali o armi atomiche. Se la vedrà piuttosto con le inquietudini politiche e sociali della fine degli anni Sessanta. (www.panorama.it)

> Condividi articolo: