Tra i profughi istriano-dalmati e quelli di oggi non ci sono somiglianze. Chi prova ad avvicinarli, chi invita gli italiani ad essere accoglienti nel ricordo di quelle drammatiche pagine di storia, fa un errore. Gli italiani dell’Istria e della Dalmazia furono costretti a lasciare la loro terra e a fuggire in Italia, mal accettati – anzi, osteggiati – da quella sinistra che oggi si professa madre dell’accoglienza. Ma avrebbero voluto difendere la loro patria.

A chiarire la posizione degli esuli istriani, fiumani e dalmati è Roberto Spazzali, direttore dell’Istituto regionale per la storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia di Trieste. Durante un incontro in preparazione della Giornata del ricordo, che si svolgerà il prossimo 10 febbraio a Bondeno, non ha usato mezzi termini. “Nel mare di gente che oggi arriva nel nostro Paese – ha detto – c’è un numero cospicuo di giovanotti che, mi pare, accettino di andarsene dalla propria terra al primo ‘baù. Mi chiedo il perché di questa inerzia. Perché non organizzare una difesa sul territorio da parte di soggetti autoctoni? Chi se ne va nelle condizioni di oggi che tipo di rapporto ha con la terra? Gli esuli istriani, fiumani e dalmati furono costretti ad andare via perché non erano stati messi nelle condizioni di difendere la loro terra, anche perché il Partito Comunista di allora, in Italia, guardava ai comunisti jugoslavi con riguardo. Ricordo che la storia d’Europa è una storia di orrori, ma in passato l’Europa ha saputo difendersi. E da questa difesa ne sono nati i grandi movimenti di Resistenza”.

Sui temi dell’accoglienza è intervenuto anche Rabar, i cui genitori furono esuli da Fiume nel gennaio 1947. “I campi furono 109 da Bolzano a Siracusa – ricorda – Anche a Ferrara ce ne fu uno, in via Romei, dove oggi ha sede l’istituto alberghiero”. La vita nei campi era difficile, i tempi erano contingentati (“sveglia alle 7, alle 7,30 colazione, alle 23 silenzio”), la polizia vigilava, e al terzo ammonimento si poteva essere espulsi. “Tutti gli ospiti erano tenuti a provvedere alla vita stessa del campo – aggiunge – Con la mia famiglia fummo poi spostati a Pontelagoscuro, in baracche di legno, senza acqua corrente, con latrine come ‘servizì igienici, condivise con un’altra famiglia. L’accoglienza non fu certo delle migliori”. E pensare che erano italiani, con l’unica colpa di aver deciso di rimanere fedeli all’Italia e non piegarsi al “sogno” socialista di Tito.

Per questo furono bistrattati dal Partito Comunista Italiano. Per questo a Bologna i generi alimentari destinati ai profughi istriani vennero distrutti dai manifestanti della sinistra che li attendevano in stazione per protesta. Questa, insomma, è la sinistra che ora vorrebbe utilizzare la memoria storica delle foibe per promuovere l’accoglienza ai migranti che stanno arrivando nelle coste italiane. (Claudio Cartaldo – www.ilgiornale.it)

> Condividi articolo: