danielemasciullo.com

Abbi il coraggio di conoscere

#Storia e costumi locali

Dalla Peste al Coronavirus: come le pandemie hanno cambiato la storia dell’uomo

Prima del Covid-19, almeno altre 13 pandemie hanno infierito negli ultimi 3000 anni. Tutte o quasi generate da zoonosi, il salto di specie fra gli animali, selvatici o da allevamento, e l’uomo attraverso successive mutazioni genetiche dei virus. Polli, anatre, suini, topi, pulci, bovini, dromedari, zibetti e pipistrelli hanno fatto da conduttori, soprattutto in Asia, e in modo particolare in Cina dove hanno sempre vissuto a stretto contatto con l’uomo.

#Salute e benessere

Covid-19: proviamo a prevedere cosa succederà

Tutta Italia segue ormai con interesse quasi spasmodico le statistiche sul Corona virus, con il comprensibilissimo obiettivo di capire come evolverà il fenomeno e, soprattutto, quando finirà la pandemia, almeno nel nostro paese. Quando ci si avventura in previsioni, le strade che si possono seguire sono essenzialmente due. La prima è forse logicamente un po’ più difendibile: si usa un modello “causale”, e cioè si prevede l’evoluzione del fenomeno di interesse (la diffusione del virus) in funzione di altri, quelli che lo favoriscono o lo frenano, come ad esempio le politiche di contenimento, il meteo (con l’arrivo della stagione calda: servirà?), i progressi della medicina, …

#Mercati e finanza

Shock da virus, la via stretta della politica monetaria

L’estensione del coronavirus assomiglia sempre più a una pandemia. In diversi paesi la combinazione di misure restrittive, interruzione della produzione e panico spontaneo dei consumatori sta paralizzando l’attività economica. Gli effetti per l’economia mondiale saranno certamente molto seri. Siamo di fronte innanzitutto a uno shock negativo di offerta, derivante da riduzione dell’offerta di lavoro (le persone non vanno a lavorare e gli impianti rallentano). Ma in una economia integrata verticalmente a livello internazionale le ripercussioni tra paesi e tra settori possono essere acute.

#Libri

Il meme come virus, il virus come meme

Dopo anni di utilizzo eufemistico del termine, la viralità torna prepotentemente a sconquassare le nostre vite, riportandoci traumaticamente dal virtuale, a cui ci si riferiva tempo prima, al più tragico reale che ci sfugge e non riusciamo a gestire. Da quando il virale si è trasformato da aggettivo a sostantivo (il video, il contenuto, il meme), ci eravamo scordati dell’inquietudine, dell’angoscia e del panico che può provocare la vera viralità, o meglio la viralità biologica, poi aumentata dalla viralità mediatica e social.

#Arte e cultura

Sciascia e il canone delle Opere

Preconizzando nel 1991 che, «prima o poi, agli esperti di cose sciasciane sembrerà di poter procedere a un censimento di tutti i testi dello scrittore siciliano e tenteranno di ordinarli e stamparli», Claude Ambroise, curatore delle Opere Bompiani, si rifaceva al naturale destino riservato dalla «fortuna critica postuma» a quegli «scrittori che riteniamo importanti». Tale fortuna è spettata certamente a Leonardo Sciascia, la cui produzione è da tempo in via di riproposizione da Adelphi in un ricco catalogo che per ultimo vanta, dopo il primo sulla narrativa, il secondo dei due tomi saggistici (pp. 1484, euro 75) delle Opere.

#Storia e costumi locali

Dittatura della Memoria, ultimo atto

Al monopolio della Memoria mancava solo la Giornata del Ricordo, dedicata alle foibe. Unica isola nell’arcipelago delle rievocazioni che ricordava ancora i crimini del comunismo ai danni degli italiani d’Istria e Dalmazia. Ora con l’occupazione ufficiale da parte dell’Anpi nella sede istituzionale del Senato, anche di quella esile fettina, abbiamo completato il giro, siamo nel regime totalitario della Memoria.

#Cinema e tv

Tim Jenkin, il genio che ha inventato (tra tante altre cose) la crittografia che usava Mandela

Escape from Pretoria è una delle uscite cinematografiche del 2020 da tenere d’occhio. Tratto dall’omonimo libro scritto da Tim Jenkin, racconta la sua incredibile fuga dal carcere di Pretoria, in Sudafrica, durante l’apartheid. A interpretare Jenkin è Daniel Radcliffe e il film, la cui uscita è al momento prevista per il 6 marzo 2020, è diretto da Francis Annan.

#Curiosita'

Plastica: un nuovo materiale

Il nome di John Wesley Hyatt non dice molto alla maggior parte delle persone, eppure senza questo americano, che lavorava in una baracca insieme al fratello, non avremmo le plastiche sintetiche.  Il termine “plastica” (“che ha molti parti”), coniato da un chimico svedese dell’inizio dell’Ottocento, Jöns Jacob Berzelius, indica una gamma molto vasta di materiali organici, ovvero formati da un gruppo di composti fondati sul carbonio, solidi e plasmabili.

#Arte e cultura

L’arte non è solo accademia, in Inghilterra lo hanno capito (e funziona)

Prigionieri del nostro illustre passato, preoccupati di conservare la memoria, attaccati in maniera spasmodica a tutto ciò che sa di antico, noi italiani dovremmo imparare dagli inglesi quanto la cultura della modernità sia ricca di spunti di riflessione, straordinaria possibilità di mescolare le carte, attraversare i linguaggi e (parlando di mostre) moltiplicare i pubblici. Per capire il tempo che stiamo vivendo l’arte in senso accademico non basta. Moda, design e soprattutto musica offrono le chiavi di volta e dunque nei musei di Londra è sempre più frequente trovare esposizioni dall’alto grado scientifico e altrettanto spettacolari, che nessun filologo british si sognerebbe di obiettare davanti a un’emozione.

#Arte e cultura

E’ Dante che ha fondato l’Italia

L’Idantità italiana. Non è un refuso, è una tesi precisa. La fonte principale, più alta e più vera della nostra identità è Dante Alighieri. A lui dobbiamo la lingua, il racconto, la matrice, la visione. L’Italia intesa più che Nazione, come Civiltà. L’identità italiana secondo Dante, è nazionale e universale, ben delineata nei suoi confini geografici, marini e alpini, ma espansiva nelle sue linee spirituali.